Attualità/Pensieri/Politica/Società

CONFLITTO GENERAZIONALE

Un giorno, vorrei far aprire gli occhi al mondo.

La mia generazione viene continuamente vessata. Ho vista la generazione precedente trasformare in privilegi i diritti che prima di loro erano stati conquistati da un’altra generazione. Ho visto compiere questo sopruso a danni nostri.

A sinistra, i vecchi ci accusano di non aver mai preso parte lotte sindacali e di non meritare i diritti che loro hanno ottenuto a forza di scioperi e di proteste.
Nel centrodestra, altri vecchi ci accusano di non avere spirito imprenditoriale, di aver manifestato sempre per cose futili e meschine, abusando delle libertà già abusate dai vecchi sessantottini.
Ora arrivano anche i vecchi grillini, che ci accusano di non aver detto “vaffa” ai partiti tradizionali.
Ovunque ci giriamo, abbiamo colpe. 

Piovono accuse.

Immagine

I nostri datori di lavoro, i nostri insegnanti, i nostri riferimenti politici appartengono tutti ad una generazione le cui pensioni (sicure ed intoccabili) verranno pagate con i nostri stipendi da lavoratori atipici (precari ed incerti). A 70, 80 e talvolta 90 anni controllano ancora posizioni importanti e si fanno beffe del “largo ai giovani” che noi invochiamo.

Eppure esiste un conflitto generazionale anche per i posti di lavoro. Un giovane più preparato non si trova accolto tra colleghi più esperti, ma meno qualificati, assunti quando una seconda lingua o conoscenze informatiche approfondite non erano date per scontate.

Un giovane si scontra con il nonnismo di chi non teme il rinnovo del contratto.

Ed io ne voglio parlare.

Immagine

Questi non sono argomenti insabbiati o tenuti segreti, ma semplicemente non fanno più notizia. Se un 50enne perde il lavoro perché improduttivo, il sindacato si mobilita e scoppia un caso nazionale. Se un precario non viene rinnovato, nessun problema. Nessuno scalpore, il giorno dopo. Un precario non ha ferie, malattie, permessi per gli esami, talvolta nemmeno una retribuzione fissa. Talvolta solo “rimborsi spese”. Un precario non può accendere mutui, comprare una casa, avere una famiglia. Il 50enne sì.

Ci illudono che con il merito avremo successo. Quando le condizioni di merito sono nettamente più proibitive di quelle che hanno avuto loro, ed il successo (per noi) consiste nell’avere quello che loro davano per presupposto: lavoro e famiglia.

Ma non solo lavoro.

Loro vogliono essere i nuovi giovani. Ricordate? Sesso, droga, festini, soldi sperperati…
Cattivi ragazzi? No, parlamentari, ministri e premier della Repubblica. Loro sono le vere rockstar.

Che fare per risolvere questa situazione?

Io dico che il tumulto dovrà essere prima culturale e poi materiale.
Farò propaganda, ne parlerò ai parenti e a chiunque avrà la fortuna di ascoltarmi, scriverò su Twitter, sui social network, porterò la parola “valori” tra le masse e, se avrò trovato terreno fertile, organizzerò i valorosi per la mobilitazione.
Immaginate un futuro in cui esistono imprese fiere di poter dire “in questa azienda non lavora nessuno stagista gratis né alcun precario”? Uno in cui le imprese che sfruttano lavoratori con contratti-capestro vengono additate e boicottate dai cittadini consapevoli? Io sì.

Immagine

Ho detto anche troppo, ora dite la vostra. Rimango a disposizione per qualsiasi chiarimento vogliate e sono aperto ad ascoltare ogni proposta, anche radicalmente opposta alla mia.

(Questo post è stato tratto da un intervento da me postato con lo pseudonimo di Zig Illuminato su “Forum Progressista”, uno spazio che consiglio a tutti di frequentare: http://forumprogressista.forumfree.it/?t=65279671)

Advertisements

3 thoughts on “CONFLITTO GENERAZIONALE

  1. ti dicono di rispettare il capello bianco perchè è esperienza. non lo è, è solo inettitudine nei confronti del tempo. noi faremo di meglio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...