Senza categoria

AI RICORDI

Siamo muri? Siamo muri paralleli? Siamo alla ricerca di un compromesso.

Non sono più stato solo da quando ti conosco.

Ripenso all’umore dei ragazzi di settant’anni fa che tornano a casa dopo la guerra; a quelli che da giovani avevano sconfitto il nazismo, che il cielo su Berlino l’avevano visto per davvero. Ai sovietici che andavano a fare la guerra fredda, ai ragazzi della Stasi, al capitalismo che voleva far morire. E mi sento uguale. Uguale alla Coca Cola a Cuba.

Quando tra lo stupore generale ci si accorse che la democrazia aveva fatto felici non tutti, ma pochi, e che quei pochi erano le persone sbagliate…

Dove andremo poi? In un’altra stanza che non c’è, all’estero o dall’altra parte dell’Universo? Ma nell’Universo, poi, siamo soli?

Stasera sì, di sicuro.

Ripenso alle percentuali da tenere basse: la gradazione alcolica, la concentrazione di tetracannabinoidi sulla nicotina, il differenziale di disoccupazione giovanile sul totale, il numero di fantasie rispetto alle storie reali…e a come quest’ultima condizionerà anche te.

Ma ti ricordi quando pioveva tutte le volte? O la prima volta che ci siamo visti di giorno?

Io mi ricordo la campagna elettorale di quelle domeniche. I pomeriggi col sole.

Alla fine di tutto, una fine arriverà. Tu…ricordati che c’ero. Perché io ricorderò.

image

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...